Quali sono i cannabinoidi nelle infiorescenze?

Quali sono i cannabinoidi nelle infiorescenze?

Una confezione di cannabis light è invasa da mille informazioni diverse. Ci sono i dati dell'azienda che commercializza il prodotto, i riferimenti di chi lo ha coltivato, la data di confezionamento e - ovviamente – i risultati delle analisi a cui vengono sottoposte le infiorescenze prima di essere vendute. 

Al momento della vendita, i coltivatori devono rilasciare idonea certificazione, che dimostri che i prodotti ottenuti con la coltivazione presentano in generale un THC inferiore allo 0,2%. La certificazione deve provenire da un laboratorio di analisi autorizzato.

Se si acquista da terzi coltivatori, il prodotto che verrà consegnato deve essere già confezionato, sigillato e ciascuna busta dovrà essere corredata da una etichetta, che indichi l’area geografica di provenienza del prodotto (o la nazione), l’indicazione del lotto o del ceppo originario di appartenenza. Se, infatti, si acquistasse il prodotto e lo si confezionasse successivamente non vi sarebbe mai la certezza che non siano intervenute modificazioni o contaminazioni e se risultasse che talun campione presentasse una percentuale superiore a quella di legge, si potrebbe venire sottoposti a procedimento penale.

Sulle confezioni di cannabis light spesso sono indicate moltissime sigle, a volte simili alle più note THC e CBD. Si tratta sempre di cannabinoidi, contenuti in percentuali più ridotte rispetto a THC e CBD, ma presenti in tutte le piante di cannabis e utili in alcuni particolari casi. 



Quali sono i cannabinoidi contenuti nella cannabis light? 


IL CBD

Il più noto dei cannabinoidi è il cannabidiolo, o CBD, che – a differenza del THC – non ha effetti psicoattivi. In compenso è ricco di proprietà benefiche, che lo rendono estremamente richiesto dalla medicina per il trattamento di moltissime patologie. Il CBD è il più studiato dei composti cannabinoidi e le applicazioni sono eccezionalmente ampie. 

Può essere utilizzato come potenziale trattamento per:

  • Dolori e dolori quotidiani (infortuni sportivi, urti e contusioni, ecc.)
  • Dolore cronico
  • Condizioni infiammatorie inclusa l'artrite
  • Disturbi d'ansia e di panico
  • Nausea e vomito
  • Attacchi, convulsioni e disturbi convulsivi
  • Condizioni della pelle come acne, eruzioni cutanee ed eczemi

IL CBDA

L'acido cannabidiolico, o CBDA, è la forma acida del Cbd, è un cannabinoide prodotto da gambi, foglie e fiori di alcune piante di cannabis. CBD e CBDA condividono strutture molecolari simili, e anche i loro effetti terapeutici sono simili, nonostante il CBDA sia stato meno studiato del fratello maggiore. È stato scoperto che il CBDA agisce principalmente come un inibitore dell'enzima COX-2 nel sistema endocannabinoide, con effetti positivi sugli stati infiammatori. Oltre a questo, il CBDA sembrerebbe essere un ottimo antiemetico. 


IL CBN

CBN è l'abbreviazione di cannabinolo, famoso per essere il primo cannabinoide isolato dagli scienziati. Il CBN viene prodotto quando il THC viene riscaldato o esposto all'ossigeno; si verifica anche naturalmente con l'invecchiamento della pianta di cannabis. Sebbene il CBN sia derivato dal THC, non ne condivide gli effetti psicoattivi. 

Il CBN si lega ai recettori del sistema endocannabinoide in modo meno efficace rispetto ad altri suoi colleghi. Tuttavia, sembra avereenormi potenzialità nel miglioramento della salute del sonno. Gli scienziati hanno scoperto che il CBN funziona come un potente sedativo, con effetti paragonabili a quelli dei farmaci utilizzati per combattere l'insonnia. 

Il CBN sembrerebbe essere un potenziale stimolatore della crescita del tessuto osseo: secondo la ricerca il CBN può attivare le cellule staminali che facilitano la produzione di nuovo tessuto osseo.

Ha anche proprietà analgesiche, antibiotiche, anti-convulsive e anti-infiammatorie. 


IL CBG

Anche il CBG, abbreviazione di cannabigerolo, è un cannabinoide non psicoattivo con una serie di promettenti applicazioni mediche. 

Non è molto presente nella pianta di cannabis, spesso è contenuto in quantità inferiori al 1%. Nonostante questo il CBG si lega con i recettori CB1 e CB2 nel sistema endocannabinoide e quando lo fa i livelli di dopamina aumentano, aiutando a regolare il sonno, l'umore e l'appetito. Si ritiene inoltre che il CBG blocchi i recettori della serotonina, con implicazioni positive per il trattamento dell'ansia e della depressione.

Il CBG è stato anche studiato come potenziale trattamento per la malattia infiammatoria intestinale, la degenerazione delle cellule nervose, la stimolazione dell'appetito e la disfunzione della vescica.


I CBC

Scoperti più di cinquant'anni fa, i cannabicromi sono considerati uno dei cannabinoidi più promettenti nella recente ricerca medica. Vengono sprigionati dall'esposizione al calore del CBDA e sono considerati promettenti dalla ricerca scientifica, grazie alle loro potenzialità antidolorifiche. 

Il CBC si lega ai recettori TRPV1 e TRPA1, collegati alla percezione del dolore. Ciò significa che CBC può funzionare come alternativa agli antidolorifici tradizionali come i FANS, ma senza i loro effetti collaterali potenzialmente dannosi. 


IL CBDV

Il cannabidivarin, meglio noto come CBDV, è un composto strutturalmente molto simile al CBD prezioso nel trattamento dei disturbi neurologici.

Usato come anticonvulsivante e antiepilettico, il CBDV può essere in grado di aiutare i pazienti affetti da epilessia e morbo di Parkinson. Oltre a ridurre la durata e l'intensità degli attacchi, il CBDV potrebbe lavorare per prevenire le convulsioni. È anche un ottimo antiemetico, funziona da soppressore dell'appetito e allevia i sintomi del morbo di Crohn e della sclerosi multipla.



Come faccio a sapere di quale cannabinoide ho bisogno?

Molti dei cannabinoidi indicati nella lista precedente sono contenuti in percentuali piccolissime all'interno di una pianta di cannabis e spesso non si trovano in commercio nella loro versione isolata. Vengono però associati al CBD in alcune formulazioni mirati, utili al trattamento di questo o quel disturbo. Bisogna imparare a riconoscere i cannabinoidi e scegliere infiorescenze che contengano più CBGA o più CBC, studiando attentamente le etichette. Ad ogni modo, il CBD ha una rosa di effetti molto ampia, e abbraccia quasi tutte le proprietà degli altri cannabinoidi sopra elencati. 

0 commenti

Scrivi un commento

I commenti sono moderati